gtranslator

Francesco Marletta tp@lists.linux.it
Wed, 11 Sep 2002 15:45:17 +0200


Il 11 Sep 2002 15:11:57 +0200
Luca Ferretti ha scritto:

> > > 
> > > 
> > > #: src/menus.c:235
> > > msgid "Toggle translated status of a message"
> > > msgstr "Commuta lo stato di traduzione di un messaggio"
> > > 
> > > 	non  qualcosa come "Imposta/Rimuove un messaggio come
> > > 	tradotto"?
> > 
> > Mmm
> > no so quale sia meglio ( il messggio che appare nella status bar)
> > Negli altri programmi cosa si usa? (penso che per questo genere di
> > cose bisognerebbe creare una specie di guida, in modo da dare una
> > certa consistenza a tutte le traduzioni)
> > 
> 
> Ci sto lavorando su per offrire delle belle (ed utili) linee guida di
> traduzione. Se  riferita ad una voce di men con casella di spunta io
> trovo l'uso del doppio verbo per tradurre "toogle" pi chiaro: assenza
> di spunta = imposta/attiva; presenza di spunta = rimuovi/disattiva.
> 
> Che poi, guarda tu alle volte il caso,  quello che abbiamo fatto
> inseme a Pier per nautilus.....

In attesa di una linea guida ufficiale (che per dovrebbe essere decisa
da molti) io tengo "Commuta" (dopo tutto  il messaggio che appare nella
barra di stato). Bisognerebbe capire se per  un termine troppo
difficile da capire rispetto a "Imposta/rimuove ..."

Cmq la tua versione "Imposta/Rimuove um messaggio come tradotto", non mi
piace molto in quanto suona male: non mi pare molto italiano. Ma forse
sbaglio.

> > > 
> > > #: src/prefs.c:359
> > > msgid ""
> > > "Also query the personal learn buffer while autotranslating
> > > untranslated"
> > > "messages"
> > > msgstr ""
> > > "Interroga anche il buffer di apprendimento mentre traduci\n"
> > > "automaticamente un messaggio non tradotto"
> > > 
> > > #: src/prefs.c:363
> > > #, fuzzy
> > > msgid "Automatically learn a newly translated message"
> > > msgstr "Impara automaticamente un messaggio appena tradotto"
> > > 
> > > 	Come sopra, almeno credo...
> > 
> > Beh, l'ho sistemato meglio
>  
> Criptico, scusa. 

Hai ragione, ma era un invito ad andare a vedere il file po. Cmq ho
cambiato le due voci nel seguente modo:
 - interrogare anche il buffer di apprendimento mentre si traduce aut...
 - apprendere automaticamente un messaggio ... (imparare automaticamente
 brutto)

Cmq qui si tratta di checkbox della finestra delle impostazioni.

> > > 
> > > #: src/prefs.c:678
> > > msgid ""
> > > "The Preferences box allows you to customise gtranslator\n"
> > > "to work in ways you find comfortable and productive."
> > > msgstr ""
> > > "Il riquadro delle Preferenze permette di personalizzare
> > > gtranslator\n""cos da lavorare in un modo che sia confortevole e
> > > produttivo."
> > > 
> > > 	per lavorare
> > > 
> > Dici che  meglio? ok!
> > 
> 
> Altro capriccio personale: e se si traducessero "Settings" e
> "Preferences" come "Impostazioni"? A livello di uso non ci dovrebbe
> essere differenza tra i due termini in inglese e a me:> preferenze non
> piace molto. 

> 
> Cmq mantenere programmi che usano "Preferenze" ed altri che usano
> "Impostazioni" non  il massimo. Mi riferisco per alla voce di men
> che di solito si trova sotto Edit/Modifica, per le stringhe di
> chiarimento sparse nell'interfaccia usare un sinonimo pu anzi essere
> utile.
> 
> Semmai mettilo minuscolo.

Anche per questo bisognerebbe mettersi daccordo per benino, cmq lo metto
in maiuscolo e vedo come "suona" con impostazioni.

> > 
> > Si  meglio (si vede che hai pi esperienza)
> > 
> 
> mmmhhhh... 3 mesi....???!!!???

Meglio di niente no?

> 
> > > 
> > > #: src/utils_gui.c:341
> > > #, c-format
> > > msgid "You are not permitted to access file '%s'."
> > > msgstr "Non si ha il permesso di accedere al file \"%s\"."
> > > 
> > > 	in nautilus per stringhe di questo genere abbiamo usato
> > > 	"permessi non
> > > sufficienti per ..." (o forse talvolta anche adeguati... dovrei
> > > ricontrollare, ma non mi va...)
> > 
> > Ok, seguo la rotta tracciata
> > 
> 
> Dovrei correggere alcune cose, ma ancora non ho preso una decisione.
> Tieni presente che alcune volta in nautilus abbiamo usato
> "sufficienti" ed altre "elevati", che in fondo si richiamano alla
> descrizione numerica dei permessi UN*X. Mi pare per che "elevati"
> fosse stato usato per un testo di spiegazione pi esteso dell'errore. 

No no, "permessi non sufficienti" suona benissimo!
> 
> > > 
> > > #: src/vfs-handle.c:159
> > > #, c-format
> > > msgid "Malformed URI `%s' entered!"
> > > msgstr "L'URI \"%s\" immessa non -b corretta!"-A
> > > 
> > > 	Ma URI  maschile o femminile? Non c' in glossario...
> > 
> > Io lo considero maschile (Uniform Resource Identifier =
> > Identificatore di Risorsa Uniforme  - e identificatore  maschile)
> > 
> 
> Esatto, da includere in un qualche glossario....

bene, direi di cominciare a riscriverne uno.
Scriviamo lo GITG (Gnome Italian Translator Glossary oppure Glossario
Italiano dei Traduttori di Gnome)?

> 
> S, puoi farlo notare, ma in fondo anche tieni presente che hanno
> anche sbagliato a scrivere GNOME:) 

Mi sa che sono diverse le cose che bisognerebbe far notare loro. E mi sa
che  bene farlo prima che scrivino la versione pr GNOME2.

Bye

-- 
....:: Marly ::.............................
: - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - :
: Linux: The choice of the GNU Generation :
:.........................................: