Seahorse dubbi

_Cri_ tp@lists.linux.it
Wed May 14 08:57:01 2003


On Tue, May 13, 2003 at 11:11:04PM +0200, Luigi wrote:
> #: bonobo/Seahorse_PGP_File_Listener.server.in.in.h:11
> msgid "Seahorse PGP import operation"
> msgstr "Seahorse Operazione di importazione PGP"
> #o alla fine "di Seahorse solo che penso sia senzato tenere la
> #ripetizione avanti anche se nn capisco l'utilitÓ"

IMHO l'unico motivo per tenere "Searhorse" all'inizio e' se il messaggio
e' una notifica di errore, o di conclusione di un'operazione (di solito
si trova il formato: "Nome programma: si e' verificato l'errore tal dei
tali"); al di fuori di questi casi, io tradurrei inserendo "Seahorse"
nella frase (es. "Operazione di importazione PGP di/con Seahorse" o
"Operazione Seahorse di importazione PGP" o altri modi piu'
eleganti/appropriati). Ovviamente e' un'opinione, ditemi se sbaglio
qualcosa.

> #: data/seahorse.schemas.in.h:1 #o controlla
> msgid "Controls the visibility of the expires column for the key
> manager."
> msgstr "Controlli la visibilitÓ delle colonne di scadenza del gestore di
> chiavi"

Perche' "controlli"? Non si usa la terza persona ("controlla") in questi
casi?

> #. **** do hashes ****
> #: src/seahorse-key-properties.c:219
> msgid "Hashes"
> msgstr "Tritati" #il contesto Ŕ di cifratori e compressori

"Hash" penso proprio che vada invariato (e al singolare).

Importante poi: "Criptazione/criptare/ecc" -> "Cifratura/cifrare/ecc"

Cri

-- 
[  GLUX! - http://www.lecco.linux.it  -  irc.eu.freenode.net -> #glux  ]
[    Signed / encrypted mail welcome  -  GPG/PGP Key-Id: 0x943A5F0E    ]
[     http://www.lecco.linux.it/index.php?link=documenti/trad.html     ]