[ImoLUG] ssh -X e su -

Davide Manzoni davide.manzoni@gmail.com
Gio 12 Mar 2009 17:07:39 CET


Si che possono capitare guai. Una cosa  se hai bisogno di una graphical
interface per installare software: non si fa tutti i giorni e "su -m" o
"sudo -s" hanno senso ed  un rischio calcolato che non comporta casini se
il software che installi  scritto con un minimo di decenza.

Un'altra cosa se scrivi/lanci script che girano come root: non  una bella
cosa farlo con l'environment utente per cui "sudo -i" o "su -" sono scelta
obbligata.

i vari filettini .* dell'utente tipicamente vengono solo aggiornati se gi
esistono. Altrimenti vengono scritti con l'utente sbagliato.

Ciao,
Davide


On Thu, Mar 12, 2009 at 4:26 PM, virgilio pierini <
virgilio.pierini@gmail.com> wrote:

>
>
> On Thu, Mar 12, 2009 at 4:21 PM, Davide Manzoni <davide.manzoni@gmail.com>wrote:
>
>> right,  disabilitato da sshd_config.
>> Non vedo altre alternative al "su -m" che preserva l'ambiente. Nessuno ti
>> vieta per di aggiungerti da solo /sbin, /usr/sbin nel path del tuo utente.
>>
>> ciao,
>>  Davide
>
>
> ecco, riguardo questa opzione, vorrei capirne bene l'impatto
> per avere un path simile a root posso aggiungere le sbin e non  un
> problema
> non  nemmeno un problema configurare altre variabili d'ambiente che
> servono a root
>
> ma non  che poi i programmi editano i file sbagliati (ad esempio i vari
> .qualcosa nella home dell'utente iniziale invece che in quella di root?) o
> possono capitare altri guai?
>
> ciao
> v
>
> --
> Mailing list info: http://lists.linux.it/listinfo/imolug
>
>
>
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML  stato rimosso...
URL: <http://lists.linux.it/private/imolug/attachments/20090312/8c528222/attachment.htm>


Maggiori informazioni sulla lista ImoLUG