[LUG] Riflessioni su software e sconti [Was: VMWare e la sua proposta]

Andrea naf@allug.it
Lun 29 Dic 2003 23:26:37 CET


Federico Di Gregorio wrote:

> Il lun, 2003-12-29 alle 14:44, Andrea ha scritto:
> [snip]
> 
>>Ma perche' deve diventare tutto una questione etica? L'etica non c'entra 
>>niente, sono banalissime dinamiche di mercato.
>>Nelle teorie tradizionali, il mercato ideale dove si manifesta la 
>>maggiore innovazione  il regime di concorrenza perfetta. Ci sono altre 
>>teorie piu' recenti che sostengono invece che il monopolio sia 
>>socialmente accettabile, e guardando il caso eclatante di Windows ci 
>>sono alcuni aspetti per cui riconosco che queste teorie siano anche 
>>sostenibili.
> 
> 
> ehm. cioe' un monopolio che porta ad un prodotto scadente, dal prezzo
> troppo alto, e che favorisce tattiche commerciali quasi terroristiche
> (chiedilo agli oem che qualche anno fa iniziavano ad installare linux)
> e` una buona cosa. btw, quando citi una "teoria", puoi citarne la fonte?
> (questo vale in generale e` una cosa che nelle discussioni su questa e
> su altre ML non si fa mai e andrebbe *sempre* fatta.)
> 
> 
Non l'ho citato perche' nel momento in cui scrivevo non mi ricordavo 
piu' il nome del professore in causa... appena posso lo cerco, se ti 
interessa. Ho sentito una sua conferenza ad un evento a cui sono stato 
invitato, e' un professore di economia credo di reggio emilia o quelle 
zone la'. Cerchero' di ritrovare il nome.

Comunque non lo e' certo per le cose che citi tu, e' abbastanza ovvio 
che quelli sono gli aspetti negativi. Ma l'aspetto che si puo' 
riconoscere e' anche stata una 'normalizzazione' del modo di usare un 
computer, nel senso che un bel momento tutti i computer del mondo 
funzionano piu' o meno allo stesso modo. Il che e' innegabile che 
acceleri il processo di informatizzazione della massa.

Che la cosa sia negativa o no a lungo termine non e' in discussione, ma 
solo il fatto che avere un solo tipo di sistema e' certamente piu' 
facile per educare una massa che non averne una pluralita'.

Perche' i mac, visto che il macosx e' decisamente superiore come 
interfaccia a windows (e linux), e' una tale nicchia che si prevede che 
nel 2004 i desktop linux superino i mac come market share, il che e' 
davvero tutto dire? Beh, secondo me perche' la gente trova comodo usare 
quello che usano i piu', perche' e' piu' semplice. E' piu' facile 
trovare il libretto scemo che ti spiega office, e' piu' facile trovare 
l'amico che ti risolve un problema, e' piu' facile trovare i programmi e 
i giochi. E questo succede perche' un sistema operativo e i programmi 
sono un sistema che, per quanto a prova di utonto possa essere, e' 
terribilmente piu' complesso e imprevedibile di un ferro da stiro.
Se perlomeno son tutti uguali, un po' di fatica in meno ce l'abbiamo. 
Basta tenere conto che la gente che passa da 2000 a Xp non trova piu' 
niente e viaggia nel vuoto per giorni... figuramoci a passare da 2000 a 
macosx, poi a lavoro con kde, poi dall'amico con gnome, poi trova uno 
con freebsd con una shell e basta. Passerebbe piu' tempo a studiare le 
interfacce che a lavorare. Il che, in effetti, non e' 'socialmente 
accettabile'.

Quindi sostanzialmente il fatto che la massa, nella fase di primissima 
educazione ai sistemi informatici (la maggior parte delle persone ha 
iniziato a usare un pc con windows) non abbia avuto 10 sistemi diversi a 
disposizione ma uno solo, ha certamente accelerato la diffusione 
dell'informatica in ambienti non tecnici e soprattutto in ambienti 
domestici e di ufficio.

Poi puoi trovargli tutti i difetti di sto mondo, e inoltre la situazione 
di monopolio ha degli svantaggi che, imho, non bilanciano affatto questo 
aspetto: per questo dicevo che la trovo una teoria traballante. Ma non 
la bollo come inutile o sbagliata, perche' per come l'ho sentita non 
faceva affatto riferimento diretto alla situazione microsoft, ma a una 
analisi delle dinamiche di mercato piu' astratta, quindi non escludo che 
in altri campi o situazioni questo vantaggio possa essere molto piu' 
evidente o gli effetti negativi del monopolio trascurabili rispetto al 
vantaggio, e quindi sia possibile derivare una situazione 'socialmente 
accettabile' di monopolio.

Andrea


Maggiori informazioni sulla lista LUG