shadow: mini-revisione degli aggiornamenti

Luca Ferretti elle.uca@infinito.it
Mer 19 Gen 2005 15:34:08 CET


Il giorno mar, 18-01-2005 alle 12:50 +0000, Marco Colombo ha scritto:
> yo!!!
> 
> Luca Ferretti ha scritto:
> 
> >Il giorno lun, 17-01-2005 alle 18:26 +0000, Marco Colombo ha scritto:
> >  
> >

<cut>

> >>>      
> >>>
> >>"-m, --maximum MAX    imposta il numero massimo di tentativi di accesso falliti"
> >>"-u, --user UTENTE    mostra il record degli accessi falliti o, se sono state
> >>usate le opzioni -r, -m, o -l, imposta conteggi e limiti riguardanti solo
> >>l'utente indicato"
> >>    
> >>
> >
> >Trovo che la versione di Danilo sia pi corretta ed in stile con quello
> >che stiamo facendo sulle coreutilis
> >
> >  
> >
> vorrei sapere cosa intendi qui: chi sta lavorando sulle coreutils?

Io, ma ultimamente ho un po' rallentato.

> trovo che in tanti casi ripetizioni del tipo "l'utente UTENTE" non siano 
> molto belle.  forse questione di gusti personali, ma non credo che 
> aggiunga niente rispetto a "l'UTENTE indicato"

Beh il compito del traduttore  proprio quello di evitare frasi brutte
pur attenendosi all'originale. Qui (e nelle coreutils) le parole in
maiuscolo indicano i valori da passare a riga di comando. Stiamo
parlando di programmi che hanno pi anni di me e che in molti casi le
persone hanno imparato ad usare direttamente in inglese.

Ammetto che gli originali non sono il massimo, ma qui conta la
correttezza e l'aderenza all'originale + che la bella forma.

E poi che c' di male in "l'utente specificato da LOGIN"?  corretta in
italiano e corretta come traduzione.

> >Inoltre lascerei LOGIN invece di UTENTE (e nella spiegazione userei
> >"l'utente specificato da LOGIN".
> >
> >  
> >
> non sono sicuro del vantaggio di usare LOGIN piuttosto che UTENTE. in 
> fondo non sono mai diversi, no?

Utente  la persona che usa il computer. Login  login: un numero a cui
 associato un identificativo mnemonico, il nome utente, o la parola che
si immette quando ci si siede di fronte all'elaboratore del CED....

Non  un frontend grafico alla MacOSX,  uno UN*X tool. _Deve_ essere
difficile per chi non capisce UN*X :-) E DEVE essere corretto.


> >>># NdT: Help needed: Servirebbe una buona traduzione per «repository»
> >>>#: src/passwd.c:815
> >>>#, c-format
> >>>msgid "%s: repository %s not supported\n"
> >>>msgstr "%s: repository %s non supportato\n"
> >>>      
> >>>
> >>non so a cosa si riferisce... azzardo un "archivio" o "directory di archivio",
> >>immaginandomi un repository come un luogo in cui dei file vengono salvati per
> >>un uso futuro...
> >>    
> >>
> >
> >Sebbene possa ad un primo momento sembrare strano, la traduzione pi
> >corretta di repository  repertorio (cfr il dizionario per il reale
> >singificato della parola, nel senso non limitarti a "repertorio
> >musicale").
> >
> non ho nulla contro repertorio! :)  probabilmente  la traduzione 
> corretta nel caso si trattasse di qualcosa paragonabile a CVS. ma se si 
> tratta davvero di una semplice directory in cui dei file vengono 
> copiati, preferirei ancora la mia idea, mi sembra pi facile da 
> visualizzare.
> ciao, marco

Ma sei sicuro del contesto? Che se ne fa passwd di una directory di
archivio?  Non  che ha a che fare con memorizzazione dei login non
in /etc/passwd (LDAP, ...)?


-- 
Luca Ferretti <elle.uca@infinito.it>
-------------- next part --------------
A non-text attachment was scrubbed...
Name: not available
Type: application/pgp-signature
Size: 189 bytes
Desc: Questa parte del messaggio =?ISO-8859-1?Q??Url : http://lists.linux.it/pipermail/tp/attachments/20050119/5ece15ad/attachment.pgp


Maggiori informazioni sulla lista tp