[Flug] Lavoro da "system manager"

leonardo mail@leonardo.ma
Lun 11 Feb 2013 12:43:05 CET


On 11/02/2013 12:08, Massimiliano Masi wrote:

ma guarda che bell'OT!

>> Perche', tristemente, dare un posto a tempo determinato (a tempo indeterminato
>> non se ne parla proprio!) richiede molti piu' soldi, almeno 1-2 anni per
>> istruirlo, l'assenso del ministero competente, ed infiniti litigi con i colleghi
>> che vorrebbero (giustamente) sistemare giovani ricercatori capaci. Inoltre, con
>> le recenti restrizioni sugli organici, devi avere fondi 'esterni' per pagarlo.
>> (cioe' contratti, donazioni, finanziamenti europei ed altri ammennicoli).

In effetti, Ŕ anche questo il lavoro dei professori universitari,
trovare i fondi per far crescere un gruppo. Se proprio uno non ha voglia
di farlo, pu˛ sempre fare ricerca con il suo foglio di carta e la sua
matita. E' vero che da noi questa parte di lavoro non viene valutata
granchŔ ma Ŕ cosi' in tutto il mondo, anche nei paesi in cui si spendono
pi¨ soldi.

> 
> Vedi che la contraddizione e' esattamente questa: invece che andare contro il 
> sistema (quindi contro i sindacati e i ricercatori) si fa polemica, ma alla fine
> lasciamo perdere, assumiamo uguale. 
> 
> E' una solita istanza del volemose bene. Che non va bene. 
> 
> Questo e' uno dei motivi per cui io votero' contro tutti i partiti che sono 
> per dare soldi alla ricerca senza dare nessuna indicazione su come riformare 
> l'universita'. Quindi TUTTI. Fanno capire che non hanno nessuna idea in che 
> condizione versa l'universita'. 

Prendersela con i politici Ŕ sempre comodo, perchŔ sono lontani e non ti
rispondono. L'ateneo di Firenze nei primi 2 anni (su 9) della gestione
Marinelli ha fatto tutti i professori ordinari che poteva fare con i
soldi di 8 anni. Fino a qualche tempo fa era uno degli atenei pi¨
sbilanciati con un numero di ordinari == numero di associati == numero
di ricercatori << precari ed aveva un bilancio sull'orlo del fallimento,
anche viste le spese edilizie folli.

Eppure, qualcuno Marinelli l'ha votato tre volte.

Quindi non ce la prendiamo solo con i politici che stanno a Roma,
prendiamocela anche con le persone che stanno accanto a noi, dentro
all'universitÓ, per averla trasformata in un sistema clientelare. Certo,
Ŕ un po' pi¨ difficile, perchŔ da quella persone dipende il tuo
stipendio e se ci litighi, ti rispondono anche, ma se la Gelimini poteva
andare in televisione a dire che l'universitÓ italiana Ŕ clientelare
senza sorprendere nessuno, la colpa Ŕ anche di chi ci sta dentro.

> 
> E neanche i ricercatori, anzi. Siamo sicuri che la legislazione corrente 
> sia corretta? Siamo sicuri di volere ricercatori a tempo INDETERMINATO?

beh, la legge corrente ha eliminato il ruolo dei ricercatori a tempo
indeterminato. comunque per me si, ci vorrebbero, anche se penso che la
protesta che hanno fatto due anni fa fosse discutibile nei modi.

> Appunto: se si continua cosi', i gruppi muoiono uguale, che ricerca fanno? 
> E poi e' concorrenza sleale con le aziende. Il sistema va avanti per inerzia. 

poverine, invece loro sul precariato non ci hanno marciato proprio per
niente... ;-)

>> Scusate lo sfogo, ma mi sembra di vivere in una nazione kafkiana!
> Scusate per lo sfogo anche me. 
+1, vediamo quanti universitari ci sono che si sfogano in lista flug!


-- 
www.leonardo.ma / tw: @leobowski


Maggiori informazioni sulla lista flug