[gl-como] Problema RAID distrutto

Carlo Filippetto carlo.target@tiscali.it
Ven 19 Feb 2010 12:36:11 CET


Rispondo tra le righe

>
> Dato per assodato che hai giÓ controllato che il tuo NAS non usi un raid
> software fatto con linux e che quindi sia "recuperabile" normalmente...

Usa si linux, ma non parte +..
forse si potrebbe anche cambiargli SO, o fargli fare il boot da una
distro USB.. ma mi manca il tempo per farlo


>
> qui trovi due "modi" opensource per ricostruire il tuo raid5:
>
> http://www.chiark.greenend.org.uk/~peterb/linux/raidextract/
> (teoria e software per il recupero)
>
> http://www.freesoftwaremagazine.com/articles/recovery_raid
> (tanta teoria, molte buone idee)
>

SPETTACOLO

> Le copie dd-ate dei dischi le hai, usa quelle per gli esperimenti (anche
> se personalmente avrei usato dcfldd per fare le copie (ti da giÓ l'md5
> della copia) e md5 per ricontrollare gli hash sui dischi originali.

Non ho ancora fatto le copie...
io vado da loro solo qst sera!!
mi studier˛ un po questo dcfldd.. non lo conosco



>
>
> Nel farlo tieni presente che ogni "marca" di raid ha le sue peculiaritÓ
> in fatto di stripe size e cluster size quindi potresti non recuperare
> nulla con raidextract...
>
> Se ti serve aiuto fammi sapere, ben lieto di aiutarti :D
>
> A titolo di flame: il ragazzotto aveva ragione, qualsiasi disco di
> dimensioni superiori a quelle usate andava bene per il recostruct,
> l'importante e che sia riconosciuto dal bios della NAS :D

Si lo so, lavoravo sugli storage, ma di alta fascia, dove l'entita
cerebrale interna era di qualche GB non di un paio di righe che
possono esplodere come infatti Ŕ successo!!
Quello che temevo Ŕ accaduto

>
> Nel caso non funzionasse il tuo recovery posso anche segnalarti un paio
> di ditte serie che fanno recovery a prezzi "decenti"...

MANDA MANDA LE INFO,
avendo poco tempo meglio che si affidino ad esperti


Maggiori informazioni sulla lista gl-como