[LUG] copyright & proprietÓ ( era: Riflessioni su software e sconti)

Luca Villani villo@ferrara.linux.it
Mer 31 Dic 2003 13:58:11 CET


Alle 13:10, mercoledý 31 dicembre 2003, Andrea Capriotti ha scritto:


> Nonostante, come puntualizzato da altri, il concetto di proprietÓ
> classico non sia adatto a regolare le dinamiche di un bene immateriale
> come il software seguendo il tuo ragionamento si ricadrebbe
> nell'articolo 17 della "Dichiarazione dei diritti dell'Uomo e del
> Cittadino" che tu stesso hai citato: 

Certo.


> La proprietÓ essendo un diritto inviolabile e sacro, nessuno pu˛
> esserne privato, salvo quando la necessitÓ pubblica, legalmente
> constatata, lo esiga in maniera evidente, e previa una giusta
> indennitÓ.

E infatti penso che nessuno possa sindacare questo.


> Anche ignorando le sue peculiaritÓ il software rientrerebbe comunque
> in questa tipologia di "prodotto" e la necessitÓ pubblica verrebbe 
> comunque prima di quella del singolo.

PerchÚ?



> "La libertÓ consiste nell'essere in grado di prendere decisioni che
> influiscono principalmente su se stessi. Il potere consiste nel poter
> prendere decisioni che influiscono pi¨ sugli altri che su se stessi.
> Se confondiamo il potere con la libertÓ falliremo nel difendere la
> vera libertÓ."
>
> Non Ŕ che stai confondendo la libertÓ con il potere?

Non Ŕ che tu abbia confuso pesantemente i due concetti?
Tu hai la libertÓ di non fare entrare nessuno a casa tua, ma nello 
stesso tempo questa tua libertÓ impedisce ai senzatetto di dormire al 
caldo, quindi questa tua libertÓ Ŕ libertÓ o potere?

Stallman mi fa spesso venire i vermi proprio per questa sua visione 
manichea della vita...



-- 
Ciao da Villo  -  GPG public key available
                  Ferrara LUG http://ferrara.linux.it

Protect your Freedom: http://www.againsttcpa.com/index.shtml



Maggiori informazioni sulla lista LUG