Alcuni termini sui processi

Giuseppe Sacco tp@lists.linux.it
Sun Jan 26 19:18:02 2003


Il Sun, Jan 26, 2003 at 06:19:16PM +0100, Francesco Potorti` ha scritto:
> >> > > clock tick (o anche solo tick)
> >> > quanto di tempo
> >> Potrebbe essere /cicli di clock/ ?
> >'unitÓ' (?)
> 
> Certamente non ciclo di clock, Ŕ troppo generico.  
> Quanto temporale o unitÓ temporale sarebbero traduzioni semanticamente
> corrette, ma ho idea che ormai sia troppo tardi per inventarsi una
> traduzione di questo genere.  La terminologia dei sistemi operativi Ŕ
> troppo vecchia per essere reinventata. 
> 
> Secondo me va lasciato invariato.

Difatti 'quanto di tempo' (in italiano) Ŕ quanto mi insegnava il docente
di sistemi operativi all'universitÓ nel 1991. Se Ŕ vero che la terminologia
Ŕ vecchia per essere reinventata credo che sia altrettanto vero che chi ha
fatto l'informatica vent'anni fa in Italia non aveva nessuna intenzione di
parlare inglese. Per rendersene conto basta parlare con quegli operatori
che ancora oggi vanno nelle sale server con il camice bianco. :-)

> >> > > page fault
> >> > 'richiesta pagina', ma mi rendo conto che non Ŕ forse la migliore delle
> >> /difetto di pagina/
> >Salto pagina? (Sa troppo di stampante?)
> 
> Nessuna delle tre traduzioni proposte Ŕ corretta.  Una traduzione
> semanticamente corretta sarebbe "errore di pagina", ma non ha alcun
> senso tradurre.  Si tratta del nome proprio di un interrupt (o in
> alternativa della funzione che gestisce quell'interrupt).  Certamente
> non va tradotto.

Nel libro "Progettazione e sviluppo dei sistemi operativi" di Andrew
Tanenbaum, tradotto da Danelutto e altri e stampato nel 1988, si legge a
pagina 271 che

  Questa eccezione viene chiamata "errore di pagina".

Per questo motivo io tradurrei il termine e adotterei la traduzione che
tu proponi.

Nello stesso libro, pagina 99, si dice

  A ciascun processo Ŕ assegnato un intervallo di tempo, detto "quanto", ...

Ciao,
Giuseppe